Storie di successo

Posted in Prodotti

Rilievo Menorah e Apoteosi Arco di Tito

Roma 2012 - L’arco di Tito è un arco trionfale ad un solo fornice (ossia con una sola arcata), posto sulle pendici settentrionali del Palatino, nella parte occidentale del Foro di Roma. Capolavoro dell’arte romana, si tratta del monumento-simbolo dell’epoca flavia, grazie alle sostanziali innovazioni sia in campo architettonico-strutturale, sia in campo artistico-scultoreo.

Storia L’iscrizione sull’attico (lato ovest, verso il Foro) reca la dedica del monumento da parte del Senato all’imperatore Tito (nato nel 41, imperatore dal 79 all’81), menzionato come “divus” e dunque posteriore alla sua morte nell’anno 81. Entro il 90 doveva essere concluso.

L’ arco è stato eretto a memoria della guerra giudaica combattuta da Tito in Galilea. Nel 69, l’anno dei quattro imperatori, Vespasiano rientrò a Roma per reclamare il trono, lasciando Tito in Giudea a porre fine alla rivolta, cosa che Tito fece l’anno successivo: Gerusalemme fu saccheggiata, il Tempio fu distrutto. Nel ricco bottino era compreso il candelabro a sette braccia e le trombe d’argento. Gran parte della popolazione uccisa o costretta a fuggire dalla città. Al suo ritorno a Roma nel 71 fu accolto in trionfo.

menorah_arco_di_tito

Integrazione Danzatrice con i cembali

Possagno 2012 - La Danzatrice con i Cembali è tra le statue di Canova più leggiadre e ricche di levità. La Grande Guerra, nel dicembre del 1917, le ha frantumato le braccia, togliendole la dolcezza dei cembali che gioiosamente suonava tra le dita. La Fondazione Canova di Possagno - che ne conserva il modello in gesso - e il Boden Museo di Berlino - che ne custodisce il marmo - hanno raggiunto l’accordo su un prestigioso progetto che consente di ricostruire il modello in gesso, recuperando con la scansione 3D le braccia dall’opera in marmo.

danzatrice con cembali_canova_unocad

Rilievo Pietà Rondanini

Milano 2011 - La Pietà Rondanini rappresenta una eccezione all’interno della produzione di Michelangelo, sia per il particolare trattamento del tema della Pietà sia per il fatto che l’elaborazione del capolavoro, a differenza di una radicata abitudine a concludere rapidamente i lavori, accompagnò per lunghi anni il maestro, che la letteratura vuole intento a scolpire la Pietà sino a pochi giorni prima della morte, avvenuta il 18 febbraio del 1564.

pieta_rondanini_unocad

Rilievo Ilaria del Carretto

Lucca 2010 - Il blocco monolitico di marmo nel quale è scolpita l’effigie di Ilaria del Carretto fa da coperchio ad un sarcofago rettangolare. Questo sarcofago, lungo più o meno tre volte la propria larghezza, è composto da quattro lastre di marmo. Questo monumento di Ilaria del Carretto, è senz’altro il maggior capolavoro del periodo giovanile di Jacopo della Quercia ed è riconosciuta come la più bella tomba destinata ad una donna mai realizzata nel corso del Rinascimento. Grazie alle caratteristiche tecniche dello SmartSCAN3D Breuckmann, l’opera è stata interamente acquisita con 595 “3D scan shot” per un totale di 16,527 milioni di punti, in meno di 16 ore. La statua misura 2332 mm in profondità, larga 1057 mm e alta 1060 mm dalla base.

Ilaria del Carretto_scansione 3D da Unocad

Ricomposizione e integrazione

San Giovaninno

Firenze 2009 - Il progetto si propone di ricostruire tramite tecniche di reverse engineering e rapid prototyping, la scultura del San Giovannino da Ubeda. Distrutta durante la guerra di successione spagnola, dell’opera attribuita a Michelangelo ne sono rimasti ad oggi solo 17 frammenti originali.

San Giovannino_Unocad

Rilievo Ermafrodito dormiente

Parigi 2008 - Acquisizione di una delle 10 sculture più prestigiose del Museo del Louvre di Parigi, "l’Ermafrodito dormiente", ancor oggi fonte di fascino su di un materasso scolpito dal Bernini. Nello specifico, commissioni dell’artista Barry X Ball alla nostra azienda, altamente innovativa nel campo del CAD - CAM - Reverse Engineering e Rapid Prototyping.

Rilievo 3D Ermafrodito - Louvre da Unocad

Replica in legno San Michele Arcangelo

Arcevia 2009 - Copia dell'originale di un intagliatore francese del XVII secolo che operò in Arcevia. Realizzata in legno cirmolo dalla scansione tramite fresatura a CNC e successivamente gessata e patinata al vero.

san michele arcangelo

Replica in gesso Giovane di Mozia

Roma 2004 - In occasione della mostra documentaria “La Sapienza a Mozia. Quarant’anni di ricerca archeologica, 1964-2004” si è potuta concretizzare l’acquisizione della copia in gesso in scala 1:1 di una scultura di indiscusso rilievo, il “Giovane di Mozia”, da tempo auspicata e richiesta dal Museo dell’Arte Classica.

Integrazione Paolina Borghese

Possagno 2003 - Restauro conservativo della copia in gesso della “Paolina Borghese” presso la Gipsoteca Canoviana di Possagno (TV). Rilievo tridimensionale senza contatto tramite laser scanner 3D della statua in marmo di “Paolina Borghese” c/o Galleria Borghese (Roma). Realizzazione fedele dal modello matematico rilevato dei calchi in gesso della testa e delle parti mancanti che andranno ancorate per completare il gesso originale di Possagno.

paolinaborghesebonaparte

Gli Antelami clonati

Parma 2001 - Un’operazione di alta tecnologia per duplicare le statue dell’Antelami. Commissione della Fabbriceria della Cattedrale, sponsor la Fondazione Cariparma all’interno del progetto del lapidario del museo diocesano. L’intervento coinvolge sei statue dell’Antelami, le splendide opere che raffigurano il re David ed il profeta Abacuc, il re Salomone e la regina di Saba, e i due arcangeli Gabriele e Michele, dove la “macchina” avrà il privilegio di sostituire la mano dell’uomo.

statue antelamiche unocad

Rilievo dello stelo di Piazza Pretoria

Palermo 2000 - Rilievo numerico dello stelo di Piazza pretoria a Palermo. Premesso che le forme e le dimensioni dello stelo erano per la particolarità dei volumi di difficilissima valutazione statica, si è scelta una metodologia di scansione tramite un laser scanner portatile in grado di assicurarne una cattura tridimensionale finalizzata allo studio della statica e della dinamica delle strutture, e nello stesso tempo lo studio artistico e funzionale del manufatto per una vera e propria memoria virtuale delle 18 sculture.

fontana pretoria